Le verità di Lotito cancellano i sogni? I tifosi allora scelgano da che parte stare

Click Here

Nessun mugugno, nessun rimpianto, nessuna critica. Questa volta no. Dal post partita dell’Arechi con il Cesena si è aperta una nuova stagione per la Salernitana. L’illusione ha lasciato spazio a un gelido realismo, i sogni alla verità dei fatti. Lotito finalmente è uscito allo scoperto smascherando, con parole beffarde e irriverenti, gli alibi forzatamente costruiti da una parte della critica che lo ha sempre e comunque protetto. A pochi respiri dalle celebrazioni del centenario granata, la tifoseria ha avuto ciò che invocava da tempo: chiarezza. La Salernitana non lotterà mai per la Serie A, la Salernitana era e resta la seconda squadra di un imprenditore che legittimamente intende utilizzarla per i suoi esclusivi interessi. Da qui in avanti che cessino le contestazioni per i campionati anonimi, per le campagne acquisti da Scherzi a Parte (a proposito pare che a Empoli vogliano donare le chiavi della città a Fabiani per la brillante operazione Donnarumma). Chi si arrogherà ancora il diritto di pretendere qualcosa dopo lo schiaffo in piena faccia di Lotito? Chi avrà il coraggio ancora di pretendere il salto di categoria in nome delle ricche finanze personali del patron della Lazio?
Troppi, ancora troppi tifosi non hanno compreso bene il messaggio. Segno di una immaturità grave e di una scarsa lucidità che non ha consentito e non consentirà di fuggire da un destino certo. Per tutto questo Lotito ha ragione e, come è successo di rado sotto la sua gestione, merita rispetto. Un rispetto da dare a chi ha parlato con cognizione di causa, a chi ha dimostrato coerenza di fronte a una piazza già pronta a costruire castelli in aria per il puerile giochino Centenario – Serie A. Nel bene e nel male è giunto il momento della resa dei conti. È arrivato il momento di svegliarsi, rialzare la testa e decidere in che modo affrontare il domani. Continuare a star vicino alla Salernitana per un amore viscerale e passionale o disertare per dimostrare a Lotito che la dignità non ha prezzo e categoria? Delle due l’una e chi non intenderà prendere una posizione ferma è giusto che taccia per sempre.

Click Here

 

Pietro Giunti

Click Here
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 commenti

  1. Tutte queste parole trovano il tempo che trovano. I fatti sono che per qualche motivo questa squadra è destinata a giocare il serie B o in C, sono oltre 65anni che seguo questo alternarsi di vicende, rimane il fatto che questa piazza è e rimane come una taverna dove tutti mangiano.

  2. Riportaci in D e vattene da Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *